KC1

  • Descrizione
    Intonaco di fondo a base di calce e cemento per esterni ed interni.
  • Impiego
    KC 1 viene usato come intonaco di fondo su murature in mattoni, blocchi in calcestruzzo, calcestruzzo grezzo, ecc. Per sottofondi speciali bisogna osservare le istruzioni del fornitore.
  • Fornitura
    • Sfuso in silo.
    • Sacchi speciali con protezione dall’umidità da 30 kg ca.

 

Categoria:

Descrizione

Impiego
KC 1 viene usato come intonaco di fondo su murature in mattoni, blocchi in calcestruzzo,
calcestruzzo grezzo, ecc. Per sottofondi speciali bisogna osservare le istruzioni del fornitore.

KC1

 

Preparazione del fondo
La muratura deve essere libera da polvere,sporco, efflorescenze saline, ecc. Eventuali tracce di oli, grassi, cere, ecc. devono essere preventivamente rimosse. Le superfici in calcestruzzo liscio devono essere asciutte e precedentemente trattate con materiali aggrappanti come ad esempio SP 22, oppure con un rinzaffo a base di
sabbia e cemento con aggiunta dello speciale additivo AG 15 alcali resistente. Giunti di elementi
diversi devono essere armati con una speciale rete in fibra di vetro alcali-esistente; la rete non deve essere attaccata direttamente alla muratura, ma va immersa nella parte superficiale dell’intonaco. Per ottenere una buona qualità degli intonaci ed evitare eccessivi consumi di materiale è consigliabile riservare una particolare cura all’esecuzione delle murature; le fughe tra i mattoni devono essere ben riempite, eventuali fori o spaccature nella muratura devono essere precedentemente chiusi, i controtelai devono sporgere di pochi millimetri. Per rispettare la piombatura delle pareti è consigliabile predisporre paraspigoli o staggie negli angoli e guide verticali  nelle pareti.

Lavorazione

KC 1 si lavora con macchine intonacatrici tipo FASSA, PFT, PUTZKNECHT, PUTZMEISTER, TURBOSOL o simili. Si applica in unico strato sino a spessori di 20 mm spruzzando dal basso verso l’alto e, successivamente, si raddrizza con staggia ad H o a coltello con passaggi in senso orizzontale e verticale sino ad ottenere una superficie piana. Per spessori superiori a 20 mm l’intonaco deve essere applicato in più strati successivi, a distanza di almeno 1 giorno, avendo sempre l’accortezza di irruvidire lo strato di supporto. La malta, dopo la miscelazione con acqua, deve essere applicata entro due ore. La lavorazione superficiale dell’intonaco (frattazzatura, grattatura, ecc.) si effettua da 1,5 a 4 ore dopo l’applicazione a seconda delle condizioni ambientali e del tipo di superficie.

Per applicazioni esterne, al fine di ottenere una superficie omogenea e compatta idonea a supportare finiture tipo rivestimenti a spessore, si consiglia di rifinire l’intonaco con frattazzo di plastica o legno; nel caso di tinteggiatura delle superfici è consigliabile l’utilizzo dell’intonaco di finitura IP 10 disponibile nelle granulometrie da 1-2-3 mm. Nei locali interni la finitura delle pareti si completa applicando, quando l’intonaco è completamente indurito, materiali tipo “Malta Fina”, lisciature, rivestimenti murali a base minerale, ecc. Una finitura più rustica (in locali tipo garage, cantine, ecc.) può essere ottenuta rifinendo direttamente il materiale con frattazzo di plastica, spugna o legno.

Avvertenze

• L’intonaco fresco va protetto dal gelo e da una rapida essiccazione. Poiché l’indurimento dell’intonaco si basa sulla presa idraulica del cemento e su quella aerea della calce una temperatura di +5ºC viene consigliata come valore minimo per l’applicazione e per il buon indurimento della malta. Al di sotto di tale valore la presa verrebbe eccessivamente ritardata e sotto 0ºC la malta ancora fresca o anche non indurita sarebbe esposta all’azione disgregatrice del gelo.

• Durante la stagione estiva, su superfici esposte al sole, si consiglia di bagnare gli intonaci per qualche giorno dopo l’applicazione.

• L’applicazione in presenza di forte vento può provocare la formazione di fessurazioni e “bruciature” degli intonaci. In tali condizioni si consiglia di adottare opportune precauzioni (protezione dei locali interni, applicazione dell’intonaco in due strati frattazzando accuratamente la parte superficiale, ecc.).

• L’uso all’esterno di prodotti di finitura ruvidi (tipo rivestimenti murali o IP 10) limita maggiormente l’evidenziarsi di microcavillature rispetto alle finiture lisce (tipo “Malta Fina”, ecc.).

• Per applicazioni su sottofondi particolari (pannelli in legno-cemento, in rete, alcuni tipi di muratura isolante, ecc.)non garantiamo una esecuzione priva di cavillature.  È comunque opportuno consultare le istruzioni del fornitore del sottofondo.

• Per ristrutturazioni, con supporti eterogenei e spessori variabili di malta d’intonaco, consultare il nostro Ufficio Tecnico per il ciclo più appropriato.

• Pitture, rivestimenti, tappezzerie, ecc. devono essere applicati solo dopo la completa essiccazione e stagionatura degli intonaci.

• È necessario aerare adeguatamente i locali dopo l’applicazione sino a completo essiccamento, evitando forti sbalzi termici nel riscaldamento degli ambienti.

KC 1 deve essere usato allo stato originale senza aggiunte di materiali estranei.

Fornitura

• Sacchi speciali con protezione dall’umidità da 30 kg ca.

Conservazione

Conservare all’asciutto per un periodo non superiore a 3 mesi.

Qualità

KC 1 è sottoposto ad accurato e costante controllo presso i nostri laboratori. Le materie prime impiegate vengono rigorosamente selezionate e controllate.